Visitatori
309617
Comune
Tipo
Prezzo
Agenzia
Acquisto prima casa

Attraverso l'acquisto della prima casa, è utile sapere che lo Stato permette di usufruire di alcuni benefici, le cosiddette agevolazioni prima casa; occorre però chiarire che, affinchè possano aversi tali benefici, è necessario che sussistano determinate condizioni:
  • il trasferimento deve avere ad oggetto case di abitazione non di lusso;
  • le agevolazioni sono previste per quegli atti che comportano l'acquisto della proprietà o di atti traslativi o costitutivi della nuda proprietà, del diritto di abitazione, dell'uso o dell'usufrutto;
  • l'immobile deve essere ubicato nel comune in cui l'acquirente ha la residenza o ha intenzione di stabilirla entro 18 mesi dall'acquisto oppure nel territorio del comune in cui l'acquirente svolge la propria attività;
  • l'acquirente deve dichiarare di non essere titolare esclusivo o in comunione col coniuge di diritti di proprietà, usufrutto, uso ed abitazione di ogni altra casa nel comune dove si acquista.
Le agevolazioni prima casa decadono tuttavia quando:
  • le dichiarazioni previste dalla legge nell'atto di acquisto siano mendaci;
  • il contribuente non trasferisca la residenza nel Comune ove è situato l'immobile entro 18 mesi dall'acquisto;
  • il contribuente venda o doni l'abitazione prima che sia trascorso il termine di 5 anni dalla data di acquisto a meno che entro 1 anno non proceda ad un nuovo acquisto di altra abitazione da adibire a propria abitazione principale.
La decadenza dell'agevolazione comporta il recupero della differenza d'imposta non versata e degli interessi nonchè l'applicazione di una sanzione pari al 30% dell'imposta stessa.

Occorre a questo punto domandarsi quali siano le imposte da pagare relativamente all'acquisto della prima casa; esse rientrano nella categoria delle imposte indirette e sono l'IVA, l'imposta di Registro, l'imposta ipotecaria e catastale.
Se il cedente è un soggetto Iva, l'acquirente deve pagare il 4% di IVA e di imposta di registro, catastale ed ipotecaria nella misura fissa di € 168,00 ciascuna. Nella fattispecie di acquisto da un privato si dovrà pagare l'imposta del registro del 3% nonchè in misura fissa le imposte ipotecaria e catastale di € 168,00 ciascuna. Per l'applicazione dell'imposta di registro la base imponibile è data dal valore dell'immobile dichiarato in atto.

E' necessario inoltre dire che con la Legge Finanziaria per l'anno 2006 , è stato previsto che, ai fini delle imposte del registro, catastali ed ipotecarie, la base imponibile possa essere costituita dal valore catastale dell'immobile, indipendentemente dal corrispettivo pattuito in atto, nel caso di cessione di immobili ad uso abitativo e relative pertinenze poste in essere fra privati.

AVVERTENZE :
I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali. Si declina ogni responsabilità per errori e/o omissioni, nonché per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute.

Powered by Graphite